martedì 20 gennaio 2015

Isis: solo una riforma dell'Islam può sconfiggerlo - ma... - Chi finanzia Isis. Stati, nomi e numeri

dalla pagina http://www.news.va/it/news/isis-solo-una-riforma-dellislam-puo-sconfiggerlo

2015-01-20 Radio Vaticana
Per quanto in minoranza, "l'Islam in Europa è in un contesto favorevole perchè è da qui che potrebbe partire un movimento in cui si dia impulso a quella sorta di illuminismo o di riforma dell'Islam di cui tanto si è parlato in questi anni. Se non si realizzerà, allora i cantori dello scontro tra civiltà, avranno buon gioco nell'attribuire all'Islam le azioni del radicalismo islamista". Con Renzo Guolo, docente di Sociologia dei processi culturali all'Università di Padova, l'analisi del magmatico e delicato scacchiere internazionale alla luce della minaccia jihadista. "Anche l'Occidente", aggiunge Marco Lombardi, esperto di Politiche della Sicurezza, "deve dare il suo contributo.

--------------------------------------------

dalla pagina http://www.formiche.net/2014/08/27/i-paesi-del-golfo-persico-che-finanziano-lisis/

Chi finanzia Isis?

27 - 08 - 2014Simona Sotgiu


Chi finanzia Isis. Stati, nomi e numeri
Chi finanzia l’Isis e perché? Arabia Saudita, Qatar e Kuwait sono alcuni dei maggiori finanziatori delle milizie dello Stato Islamico che imperversano, in queste ultime settimane, in Siria e Irak. [ma non sono "nostri" alleati?]

FONTI PRIMARIE
“The most important elements of ISIS’s funding are sadaqa (voluntary donations) from Arab donors in the Gulf; sales and tolls collected on sales of oil from fields under its control; and increasingly through money made by controlling key infrastructure”. Donazioni volontarie dai paesi del Golfo Persico, vendita di petrolio e controllo di infrastrutture chiave: sono queste le fonti da cui attinge l’Isis, si legge sia sul blog “Money Jihad sia in un articolo già pubblicato da Formiche.net.

QATAR
Ministro dello sviluppo tedesco Gerd Mueller e vice segretario Usa al Tesoro David Cohen hanno accusato il Qatar di finanziare l’Isis, si legge su La Stampa. In Qatar, infatti, le condizioni per la raccolta di finanziamenti sarebbero favorevoli grazie a politiche di controllo inesistenti da parte del Governo. “Un successivo studio del «Washington Institute per il Vicino Oriente» – si legge sempre sulla Stampa – ha calcolato in «centinaia di milioni di dollari i versamenti compiuti da facoltosi uomini d’affari in Qatar e Kuwait a favore di al-Nusra e Isis», che in precedenza era nota come «Al Qaeda in Iraq».
QUALCHE NOME
Abd al-Rahman al-Nuaymi, Salim Hasan Khalifa Rashid al-Kuwari, Abdallah Ghanim Mafuz Muslim al-Khawar, Khalifa Muhammad Turki al-Subaiy, Yusuf Qaradawi sono alcuni dei finanziatori dell’Isis in Qatar. Abd al-Rahman al-Nuaymi avrebbe donato oltre 600 mila dollari nel 2013 ad Al Quaeda in Siria e due milioni al mese ad Al Quaeda in Iraq. Salim Hasan Khalifa Rashid al-Kuwari –  come si può leggere sul sito del dipartimento del tesoro americano – avrebbe donato avrebbe donato centinaia di migliaia di dollari ad Al Quaeda in Iran nel corso degli anni e così anche Abdallah Ghanim Mafuz Muslim al-Khawar.

KUWAIT
“Il Kuwait è l’epicentro del finanziamento dei gruppi terroristi in Siria”, si legge sempre sulla Stampa, “teatro di «finanziamenti a gruppi estremisti in Siria»”. Mentre ufficialmente il governo del Paese non appoggia i gruppi islamisti come l’Isis, la popolazione appoggia le milizie jihadiste sia attraverso donazioni e finanziamenti sia arruolandosi tra le fila delle milizie, si legge sul Washington Post.

ARABIA SAUDITA
La maggioranza shiita irachena, tramite le parole dell’ex premier iracheno Nouri al-Maliki ha dichiarato di ritenere responsabile l’Arabia Saudita per il supporto finanziario e morale del gruppo Isis, si legge sul sito dell’agenzia di informazione tedesca DE (Deutsche Welle). L’articolo riporta le parole di Günter Meyer, direttore del Centro ricerche sul mondo Arabo all’Università di Magonza (Mainz), secondo cui ”the most important source of ISIS financing to date has been support coming out of the Gulf states, primarily Saudi Arabia but also Qatar, Kuwait and the United Arab Emirates”. Le ragioni del finanziamento, continua il professore, risiederebbero nella volontà, da parte degli stati del Golfo, di ostacolare il regime di Bashar al Assad in Siria.

continua... 

giovedì 8 gennaio 2015

Il Testamento di p. Christian De Chergé


"Ecco, potrò, se a Dio piace, immergere il mio sguardo in quello del Padre, per contemplare con lui i suoi figli dell'Islam così come li vede lui, tutti illuminati dalla gloria del Cristo, frutto della sua passione, investiti del dono dello Spirito, la cui gioia segreta sarà sempre di stabilire la comunione, giocando con le differenze".


Testamento di Padre Christian De Chergé, priore dell’Abbazia di Tibihrine, ucciso con altri sei monaci trappisti in Algeria nel maggio 1996, probabilmente da fondamentalisti islamici (o forse dall’esercito regolare che voleva far ricadere la responsabilità su questi ultimi). Alla vicenda di padre Christiane dei suoi confratelli, profondamente inseriti nel villaggio di cui condividevano con passione e abnegazione tutta la vita, è stato dedicato il film Des Hommes et des Dieux, titolo non felicemente reso da noi con Gli Uomini di Dio. [...]

TESTAMENTO DI PADRE CHRISTIAN DE CHERGE’ 
Se mi capitasse un giorno – e potrebbe essere oggi – di essere vittima del terrorismo che sembra voler coinvolgere ora tutti gli stranieri che vivono in Algeria, vorrei che la mia comunità, la mia Chiesa, la mia famiglia, si ricordassero che la mia vita era “donata” a Dio e a questo paese.
Che essi accettassero che l’unico Signore di ogni vita non potrebbe essere estraneo a questa dipartita brutale.
Che pregassero per me: come essere trovato degno di una tale offerta?
Che sapessero associare questa morte a tante altre ugualmente violente, lasciate nell’indifferenza dell’anonimato.
La mia vita non ha valore più di un’altra. Non ne ha neanche di meno. In ogni caso non ha l’innocenza dell’infanzia.
Ho vissuto abbastanza per sapermi complice del male che sembra, ahimè, prevalere nel mondo, e anche di quello che potrebbe colpirmi alla cieca. Venuto il momento, vorrei poter avere quell’attimo di lucidità che mi permettesse di sollecitare il perdono di Dio e quello dei miei fratelli in umanità, e nello stesso tempo di perdonare con tutto il cuore chi mi avesse colpito.
Non potrei augurarmi una tale morte. Mi sembra importante dichiararlo. Non vedo, infatti, come potrei rallegrarmi del fatto che questo popolo che io amo venisse indistintamente accusato del mio assassinio. Sarebbe pagare a un prezzo troppo alto ciò che verrebbe chiamata, forse, la “grazia del martirio”, doverla a un Algerino, chiunque sia, soprattutto se egli dice di agire in fedeltà a ciò che crede essere l’Islam. So di quale disprezzo hanno potuto essere circondati gli Algerini, globalmente presi, e conosco anche quali caricature dell’Islam incoraggia un certo islamismo.  E’ troppo facile mettersi la coscienza a posto identificando questa via religiosa con gli integrismi dei suoi estremismi.
L’Algeria e l’Islam, per me, sono un’altra cosa, sono un corpo e un anima.
L’ho proclamato abbastanza, mi sembra, in base a quanto ho visto e appreso per esperienza, ritrovando così spesso quel filo conduttore del Vangelo appreso sulle ginocchia di mia madre, la mia primissima Chiesa proprio in Algeria, e, già allora, nel rispetto dei credenti musulmani.
La mia morte, evidentemente, sembrerà dare ragione a quelli che mi hanno rapidamente trattato da ingenuo, o da idealista: “Dica, adesso, quello che ne pensa!”.
Ma queste persone debbono sapere che sarà finalmente liberata la mia curiosità più lancinante. Ecco, potrò, se a Dio piace, immergere il mio sguardo in quello del Padre, per contemplare con lui i Suoi figli dell’Islam così come li vede Lui, tutti illuminati dalla gloria del Cristo, frutto della Sua Passione, investiti del dono dello Spirito, la cui gioia segreta sarà sempre di stabilire la comunione,giocando con le differenze.
Di questa vita perduta, totalmente mia e totalmente loro, io rendo grazie a Dio che sembra averla voluta tutta intera per questa gioia, attraverso e nonostante tutto.
In questo “grazie” in cui tutto è detto, ormai della mia vita, includo certamente voi, amici di ieri e di oggi, e voi, amici di qui, insieme a mio padre e a mia madre, alle mie sorelle e ai miei fratelli, e a loro, centuplo regalato come promesso!
E anche te, amico dell’ultimo minuto che non avrai saputo quel che facevi. Sì, anche per te voglio questo “grazie”, e questo “a-Dio” nel cui volto ti contemplo.
E che ci sia dato di ritrovarci, ladroni beati, in Paradiso, se piace a Dio, Padre nostro, di tutti e due.

Amen! Insh’Allah
 
Algeri, 1° dicembre 1993
Tibihrine, 1° gennaio 1994

domenica 4 gennaio 2015

Francesco: chi fa il male odia la pace... "Fate" la pace dovunque

dalla pagina http://www.news.va/it/news/francesco-chi-fa-il-male-odia-la-pace-costruitela
2015-01-04 Radio Vaticana
All’inizio del nuovo anno bisogna “riaccendere nei cuori” la speranza della pace e diventarne tutti costruttori, nei luoghi di ogni giorno. Lo ha chiesto con forza Papa Francesco all’Angelus, ribandendo che la “concordia è sempre possibile”, nonostante vi sia chi lavori nel buio per fomentare la guerra.

Il servizio di Alessandro De Carolis:
La concordia è sempre possibile” anche se tanti uomini si riempiono la bocca di parole di luce e di pace, preferendo in realtà buio e guerra. Tre giorni dopo, stesso luogo e parole simili, come di un pensiero che si vuole più che compreso, quasi inculcato.
Papa Francesco prosegue la sua “catechesi” dell’Angelus sulla pace, restando nella scia di quanto affermato il primo gennaio. E riprende un concetto tanto noto quanto costantemente smentito dai resoconti di violenza che ogni giorno abbondano nelle cronache internazionali e cioè che pace non è uguale “ad assenza di guerra” e che “far tacere le armi e spegnere i focolai”, afferma Francesco, è "la condizione inevitabile per dare inizio ad un cammino che porta al raggiungimento della pace nei suoi differenti aspetti”:
“Penso ai conflitti che insanguinano ancora troppe regioni del Pianeta, alle tensioni nelle famiglie e nelle comunità, ma in quante famiglie, in quante comunità, anche parrocchiali c’è la guerra! Come pure penso ai contrasti accesi nelle nostre città e nei nostri paesi tra gruppi di diversa estrazione culturale, etnica e religiosa. Dobbiamo convincerci, nonostante ogni contraria apparenza, che la concordia è sempre possibile, ad ogni livello e in ogni situazione. Non c’è futuro senza propositi e progetti di pace!”.
Chi fa il male odia la pace
Poco prima, riprendendo le parole dell’incipit del Vangelo di Giovanni proposte dalla liturgia del giorno – ma anche guardando al sole brillante e tiepido che avvolgeva la Piazza – il Papa aveva ancora una volta smascherato, giocando con il contrasto luce-tenebre, la grave ipocrisia di tanti grandi del mondo, ma anche di tante persone comuni, di fronte alla pace:
“Gli uomini parlando tanto della luce, ma spesso preferiscono la tranquillità ingannatrice del buio. Noi parliamo tanto della pace, ma spesso ricorriamo alla guerra o scegliamo il silenzio complice oppure non facciamo nulla di concreto per costruire la pace (...) Chiunque, infatti, fa il male odia la luce! E non viene la luce perché non siano svelate le sue opere (...) Chi fa il male, odia la pace!”.
Mai più sfruttamenti
Ben noto è l’accento che il Papa ha voluto dare al tema della pace nel suo messaggio per il 2015 “Non più schiavi, ma fratelli”. Un tema legatissimo al cuore di Francesco, che guarda all’anno nuovo col desiderio che finalmente “si superi – dice – lo sfruttamento dell’uomo da parte dell’uomo”:
“Questo sfruttamento è una piaga sociale che mortifica i rapporti interpersonali e impedisce una vita di comunione improntata a rispetto, giustizia e carità. Ogni uomo e ogni popolo hanno fame e sete di pace; ogni uomo e ogni popolo hanno fame e sete di pace, pertanto è necessario e urgente costruire la pace!”.
“Fate” la pace dovunque
Francesco batte fino alla fine sullo stesso tasto, ricordando il cartello esibito dalla folla in Piazza San Pietro il primo giorno dell’anno – “Alla radice della pace c’è la preghiera” – e chiamando soprattutto i cristiani ad agire di conseguenza:
“Deve essere implorato questo dono e deve essere accolto ogni giorno con impegno, nelle situazioni in cui ci troviamo. Agli albori di un questo nuovo anno, tutti noi siamo chiamati a riaccendere nel cuore un impulso di speranza, che deve tradursi in concrete opere di pace. ‘Ma tu non vai bene con questo?’, ‘Fai la pace!’. ‘A casa tua?’, ‘Fai la pace!’. ‘Nella tua comunità?’, ‘Fai la pace!’. ‘Nel tuo lavoro?’, ‘Fai la pace!’ (…) Questi piccoli gesti hanno tanto valore: possono essere semi che danno speranza, possono aprire strade e prospettive di pace”.
(Da Radio Vaticana)

venerdì 2 gennaio 2015

Buon 2015 di Pace ... da costruire giorno dopo giorno...



Telegiornale dedicato dal min 23.30 alla marcia
Tg2000 del 31 dicembre 2014 - edizione delle 18:30 

Radio Vaticana con una intervista a mons. Giovanni Ricchiuti, arcivescovo vescovo di Altamura, Gravina, Acquaviva delle Fonti e presidente di "Pax Christi" 

Il messaggio di accoglienza e introduzione alla marcia di don Maurizio Mazzetto di Pax Christi - Vicenza 

Libretto con testi per le varie tappe e per la liturgia in Cattedrale 

I testi presenti nel volumetto "Voliamo la Pace" con l'introduzione  (nel primo pdf) di don Matteo Pasinato direttore della Commissione di Pastorale Sociale della Diocesi di Vicenza

A nome della commissione diocesana di pastorale sociale un caloroso ringraziamento a tutte le persone, al nostro vescovo Beniamino, ai vari vescovi e presbiteri che hanno partecipato alla marcia, e alla persone che la hanno resa possibile donando il loro tempo per pensare, organizzare e realizzare i vari momenti di quel cammino di pace...

Un particolare caloroso e affettuoso "grazie" a monsignor Luigi Bettazzi, che ha partecipato a tutte le 47 marce della pace.