martedì 21 maggio 2019

Rosario elettorale: possiamo tacere?

dalla pagina http://www.nigrizia.it/notizia/rosario-elettorale


I Missionari Comboniani in Italia si dicono "profondamente indignati" dall'utilizzo strumentale del rosario, brandito quasi fosse un'arma il 18 maggio scorso in piazza a Milano dal ministro Salvini.

di Missionari Comboniani in Italia

Noi Missionari Comboniani in Italia siamo schierati. Portiamo nel cuore il Vangelo che si fa strada con le Afriche della storia. Che non scende a compromessi e strategie di marketing. Né elettorali né di svendita becera dei piccoli in nome del denaro.
Ci indigna profondamente l’utilizzo strumentale del rosario, baciato sabato scorso in piazza Duomo a Milano dal ministro dell’Interno, chiedendo voti alla Madonna. Rosario che è segno della tenerezza di Dio, macchiato dal sangue dei migranti che ancora muoiono nel Mediterraneo: 60 la settimana scorsa, nel silenzio dell’indifferenza dei caini del mondo.
Ci rivolta dentro il richiamo ai papi del passato per farne strumento della strategia fascista dell’esclusione degli ultimi. Di chi bussa alle nostre porte chiedendo di aprire i porti. Come la nave Sea Watch di queste ore. Nave che accoglie chi scappa da mondi inquinati dai gas serra della nostra sete di materie prime per mantenere uno stile di vita sempre più insostenibile. Che pesa sulle spalle degli impoveriti.
Ci ripugna il richiamo alla vittoria elettorale in nome della madre di Gesù di Nazareth che cammina con gli “scarti” del mondo per innalzare gli umili. Sempre dalla parte dei perdenti della globalizzazione dei profitti. La carne di Cristo sulla terra. “Ero forestiero e mi avete accolto” (Mt 25,35).
Ci aggredisce l’arroganza d’invitare la gente a reagire durante le celebrazioni in chiesa di fronte ai preti che predicano “porti aperti”. Dettando legge in nome dei vescovi.
Ci dà coraggio e ci fa resistere, contro questa onda di disprezzo e disumanità, condividere il sogno di Dio: ridestare la speranza tra la gente che un mondo radicalmente altro, interculturale, aperto, inclusivo e solidale è urgente e dipende da ognuno di noi. Da chi non tace e, con la determinazione della nonviolenza del Vangelo, grida con la sua vita che non ci sta con il razzismo dilagante di chi vuole stravolgere l’immagine vera del Dio della vita.
I Missionari Comboniani ci sono. Alzano la voce. Scendono in strada, non fanno calcoli e stanno da una parte precisa. Quella degli oppressi da un’economia che uccide. Prima e sempre.
I Missionari Comboniani d’Italia
------------------------------------------
Lettera di Don Claudio Bassotto ( pdf )

------------------------------------------

IL ROSARIO BRANDITO DA SALVINI E I FISCHI DELLA FOLLA A PAPA FRANCESCO, ECCO IL SOVRANISMO FETICISTA

19/05/2019  Ieri pomeriggio a Milano è andato in scena l'ennesimo esempio di strumentalizzazione religiosa per giustificare la violazione sistematica del nostro Paese dei diritti umani. Mentre il capopolo della Lega esibiva il Vangelo un'altra nave carica di naufraghi veniva respinta e le Nazioni Unite condannavano l'Italia per il decreto sicurezza

Francesco Anfossi
Succede spesso per i capipopolo che a parlare per loro sia la piazza: a volte meglio di loro o addirittura in maniera più autenticamente contraddittoria. E’ quel che è capitato a Matteo Salvini al comizio sovranista di ieri pomeriggio in piazza Duomo a Milano.Mentre il leader della Lega per pochi lunghissimi minuti baciava sul palco il rosario, citava i santi patroni d’Europa e affidava l’Italia al Cuore Immacolato di Maria, dalla stessa piazza partivano fischi e ululati all'indirizzo di papa Francesco. In realtà era la “vox populi” della piazza a parlare per il vero Matteo Salvini. Il Salvini che mentre esibiva feticisticamente un Vangelo allo stesso tempo ordinava di tenere ostinatamente chiusi i porti di fronte all’ennesima nave che chiedeva di approdare sulle coste italiane con il loro carico di vite umane ("Col piffero che apro Lampedusa", ha dichiarato senza mezzi termini). Il Salvini che nelle stesse ore riceveva una condanna delle Nazioni Unite per via del cosiddetto "decreto sicurezza", una legge così lesiva dei diritti umani che per trovare qualcosa di confrontabile nella storia d'Italia bisogna risalire alle leggi razziali del '38.
“Il Governo sta azzerando i morti nel Mediterraneo”, si è vantato il ministro degli Interni dal palco, mentre il Mediterraneo continua a ingoiare morti annegati. I viaggi e le tragedie, come quella recente al largo della Tunisia, continuano, secondo l'UNHCR per chi si imbarca un migrante su tre perde la vita, le partenze sono indipendenti dalla politica dei porti. Una falsità dunque contraddetta dai numeri, sempre ammesso che nel 2019 qualcuno sia disposto a credere che per fermare una tragedia come quella delle morti in mare sia necessario un disumano sacrificio di vite a perdere, come si faceva all'epoca della barbarie. Mettere a repentaglio vite umane e rifutare di soccorrere i naufraghi come deterrente per non far partire i migranti dalle coste del Maghreb non è degno di un Paese civile. Meglio la piazza allora, più autentica nel suo cinismo, nel gridare “buu” a Francesco, il Papa che ha fatto del suo primo viaggio a Lampedusa uno dei tratti distintivi del suo pontificato. Meglio tentare di convincere chi ha forse il cuore in tumulto e non afferra il messaggio di speranza di un pontefice venuto "dalla fine del mondo" che per evitare un genocidio dell'indifferenza in mare ed arrivare a una gestione ordinata dei migranti sono percorribili altre strade molto meno tragiche e ipocrite.
L’antifona persino smaccata di Salvini pronunciata in quella distesa di bandiere azzurre e tricolori, con i suoi simboli della cristianità utilizzati come amuleti, con quell’uso così feticistico della fede, serve a coprire come una fragile foglia di fico gli effetti del decreto sicurezza, che ha istituito addirittura con delle sanzioni per chi soccorre il “reato di umanità” e ha scaricato per strada uomini donne e bambini già inseriti nei programmi di integrazione, rendendoli privi di diritti civili. Un decreto che ha provocato solo “pianto e stridore di denti” per dirla con Matteo (l’evangelista, non il vicepremier). Gente che studiava, lavorava, assisteva per diventare cittadino del domani tramutata in esseri invisibili senza arte né parte, buoni solo per girare per le strade e ingrossare i pregiudizi xenofobi e correre dietro gli specchietti per le allodole sovranisti. Baciare idolatricamente il rosario in piazza è solo un sacrilegio. E' venuto il momento per i cattolici per indignarsi, come ha scritto in un tweet il direttore di Civiltà Cattolica padre Spadaro.
------------------------------------------
Ma con il rosario non si fanno comizi
Confronti e graduatorie tra Papi, ostentazione del Rosario per invocare un aiuto celeste nelle urne, proclami identitari: il leader leghista Matteo Salvini ancora una volta si proclama alfiere del cattolicesimo, ma di un cattolicesimo tutto suo, 'politicizzato' e contraddittorio, piuttosto distante dal magistero del Papa e della Chiesa universale e italiana. Non si può discutere la fede che ciascuno afferma di avere, ma neppure è lecito deformare il messaggio evangelico. E col Rosario si prega, non si fanno i comizi.
------------------------------------------

lunedì 20 maggio 2019

Elezioni europee: i vescovi di vari Paesi incoraggiano a partecipare

dalla pagina https://www.agensir.it/quotidiano/2019/5/20/elezioni-europee-vescovi-irlandesi-incoraggiano-partecipazione-di-tutti-i-cittadini-per-un-parlamento-che-sostenga-i-valori-su-cui-e-costruita-lue/


Elezioni europee: vescovi irlandesi incoraggiano partecipazione di tutti i cittadini per “un Parlamento che sostenga i valori su cui è costruita l’Ue”

20 maggio 2019


Un forte invito ai cittadini di tutta l’Irlanda (del Nord e del Sud) ad andare a votare per il rinnovo dell’Europarlamento. A rivolgerlo a pochi giorni dalle consultazioni è la Conferenza episcopale irlandese. “Abbiamo bisogno di un Parlamento europeo che protegga e sostenga i valori su cui è costruita l’Ue”, affermano in una nota-appello i vescovi ricordando che il trattato dell’Unione europea sottolinea che essa si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza, dello stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. L’Unione europea, “nella sua fondazione – aggiungono i presuli –, era radicata nei principi cristiani della giustizia sociale, compresi il bene comune, la solidarietà e la sussidiarietà”. Ciò che viene deciso dai deputati al Parlamento europeo” riguarda tutti noi qui sull'isola d’Irlanda – si legge ancora nella nota –. Allo stesso modo, il nostro voto e i nostri rappresentanti eletti in Europa possono influenzare i dibattiti e le decisioni prese a livello europeo”. Un voto particolarmente importante quello del 23 (per il Nord) e 24 (per il Sud) maggio, “viste le implicazioni potenzialmente profonde e di ampia portata del Brexit per tutti i cittadini di quest’isola”. Di qui l’invito a “tutti i cittadini che possono votare in queste elezioni, a farlo, preoccupandosi più per il bene comune che per interessi locali o nazionali”. Il Parlamento Ue, ricordano i vescovi, “è la casa dei cittadini europei ed è eletto direttamente da loro”. E se l’Ue presenta alcuni aspetti critici, occorre riconoscere “il bene che ha prodotto nella promozione della solidarietà tra i popoli e le nazioni europee”, il suo contributo “allo sviluppo delle nostre economie e regioni” e il suo “più grande successo”, nata nel secondo dopoguerra, quello di mantenere la pace in Europa”. “Il progetto europeo, le sue istituzioni e il suo metodo politico – conclude l’appello dei vescovi – sono fondamentali per promuovere e consolidare una pace duratura”.

--------------------------------------------

dalla pagina http://www.agensir.it/europeforus/2019/05/20/elezioni-europee-vescovi-polacchi-incoraggiano-partecipazione-al-voto-pensiero-rivolto-alle-future-generazioni/

Elezioni europee: vescovi polacchi incoraggiano partecipazione al voto. “Pensiero rivolto alle future generazioni”

20 maggio 2019


I vescovi polacchi incoraggiano la partecipazione al voto per le elezioni europee del 26 maggio ricordando, in un messaggio “l’impegno personale di Giovanni Paolo II”. Il Papa polacco, scrivono, “nell’adesione della Polonia all’Ue vedeva non solo un’opportunità per lo sviluppo materiale e culturale del Paese ma anche una possibilità per la stessa Unione di attingere al patrimonio di spiritualità dei polacchi”. Il Papa vedeva quindi nell’adesione “una possibilità per Europa di respirare con i due polmoni rimanendo saldamente legata alle sue radici cristiane”. Il messaggio cita, inoltre, le parole di Giovanni Paolo II pronunciate a Gniezno nel 1997 che “senza Gesù non sarebbe possibile costruire un’unità durevole” poiché non sarebbe possibile farlo “distaccandosi dalle radici che permisero la crescita dei popoli e delle culture europee”. Nel corso dell’ultima plenaria dell’episcopato (marzo 2019) i vescovi polacchi, in previsione tra gli altri delle elezioni europee, avevano approvato la lettera pastorale “L’ordine sociale per il bene comune” nella quale sottolineano che l’attuale situazione in Polonia è “una sfida per la Chiesa” poiché “la rivalità politica da tempo ha superato i limiti di una polemica democratica tra diverse fazioni”. Ricordando che tale confronto politico debba essere “per qualcosa” e non “contro gli altri” i presuli auspicano il ritorno “del dialogo e della solidarietà nella verità, nel rispetto reciproco, con il pensiero rivolto alle future generazioni”.


giovedì 16 maggio 2019

Vescovi europei: appello al voto. “Costruire l’Ue dovere di ogni cittadino”

Proponiamo un articolo del febbraio scorso...

dalla pagina https://agensir.it/europa/2019/02/14/vescovi-europei-appello-al-voto-costruire-lue-dovere-di-ogni-cittadino/

La Commissione degli episcopati della Comunità europea diffonde un testo che guarda alle elezioni del 23-26 maggio. Il sostegno della Chiesa alla "casa comune", anche se "non è perfetta". La persona al centro della politica. Le riforme necessarie e alcuni  temi-chiave: famiglia, migrazioni, sviluppo, diritti. Il "profilo" del buon candidato

Sarah Numico 

Un invito, forte, convinto e deciso, a sostenere il processo di integrazione europea anche attraverso l’importante momento elettorale del 23-26 maggio. Con un messaggio della Comece, la Commissione degli episcopati della Comunità europea, i cristiani sono interpellati per la costruzione di un bene comune che vada al di là degli interessi particolari e nazionali. “Rivolgiamo un appello a tutti i cittadini, giovani e anziani, perché votino e si impegnino durante il periodo pre-elettorale e alle elezioni europee”. Il messaggio arriva a 100 giorni dal voto per il rinnovo del Parlamento europeo ed è intitolato “Ricostruire comunità in Europa” (“Rebuilding community in Europe”).


Evitare lo sguardo ripiegato. Il voto dei cittadini, chiamati alla “responsabilità” politica, scrive la Comece, presieduta da mons. Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, “condizionerà decisioni politiche che avranno conseguenze tangibili sulla nostra vita quotidiana per i prossimi cinque anni”. È da “più di duemila anni” che la Chiesa cattolica “partecipa alla costruzione europea”, in particolare “con la sua Dottrina sociale”. E quindi, i vescovi si rivolgono proprio ai cittadini europei in questa fase che precede le elezioni per il rinnovo del Parlamento: se “l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona ha aperto un ampio ventaglio di nuove possibilità”, dieci anni fa, oggi sembra dominare un “atteggiamento meno ottimistico”. Si impongono dunque necessarie “scelte politiche” che portino a “una rinnovata fratellanza” e “rilancino il progetto europeo”. Fondamentale è che “i credenti e tutte le persone di buona volontà” vadano a votare, “senza cadere nella tentazione di uno sguardo ripiegato” e che “esercitino i loro diritti guardando alla costruzione dell’Europa”.
“Non è perfetta…”. Manifestando le proprie opinioni politiche, ogni persona potrà “orientare l’Unione” – che “non è perfetta” – là dove vogliono che vada. Oggi serve “una nuova narrativa di speranza che coinvolga i cittadini in progetti percepiti come più inclusivi e al servizio del bene comune”, indicano i vescovi. Occorre però innanzitutto l’espressione del voto, perché “ogni voto conta” nello scegliere persone che da maggio in poi “rappresenteranno le nostre opinioni politiche”. E occorrerà che, dopo le elezioni, i cittadini “in modo democratico monitorino e accompagnino il processo politico”.
Campagna elettorale. Guardando al futuro prossimo dell’Ue i vescovi affermano che i cittadini e le istituzioni Ue avranno bisogno di “spirito di responsabilità” per “lavorare insieme per un comune destino”, “superando divisioni, disinformazione e strumentalizzazione politica”. Il riferimento dei vescovi Comece nel loro documento è alla campagna elettorale, che dovrà concentrarsi sulle “politiche Ue” e su come i candidati “sapranno elaborarle e concretizzarle”. L’auspicio è che si “presentino le differenti visioni” evitando “sterili contrasti”.
La questione migratoria. Qualità necessarie per “coloro che vorranno assumersi un mandato a livello Ue” sono “integrità, competenza, leadership e impegno per il bene comune”. I vescovi indicano inoltre alcuni temi che stanno loro particolarmente a cuore: “l’economia sociale”, politiche per ridurre la povertà, basate sul principio per cui “ciò che funziona per i meno fortunati, funziona per tutti”, insieme a “un rinnovato sforzo per trovare soluzioni efficaci e condivise su migrazioni, asilo e integrazione”. A questo riguardo due le sottolineature: l’integrazione “non riguarda solo le persone che entrano nell’Ue”, ma “anche i cittadini Ue che si spostano in un Paese diverso dal loro”, quindi la questione di fondo è “come accogliersi meglio gli uni gli altri in Europa?”. In secondo luogo, i temi della migrazione e dell’asilo non sono a sé stanti, ma sono legati ai temi della “solidarietà, a una prospettiva centrata sulla persona, a politiche economiche e demografiche efficaci”.
Ambiente, pace, diritti. “Votare in queste elezioni significa anche assumersi la responsabilità per il ruolo unico dell’Europa a livello globale. Il bene comune è più grande dell’Europa”, si legge nel messaggio Comece. “Ad esempio, l’attenzione per l’ambiente e lo sviluppo sostenibile – scrivono i vescovi europei – non possono essere limitati ai confini dell’Ue e i risultati elettorali avranno un impatto sulle decisioni che riguardano l’intera umanità”. Una “Unione forte sulla scena internazionale è anche necessaria per la promozione e la protezione dei diritti umani in tutti i settori e per un solido contributo dell’Ue come attore multilaterale per la pace e la giustizia economica”. Dopo aver citato un intervento di Papa Francesco sul futuro dell’Europa, il documento prosegue così: “Le elezioni potrebbero essere solo un primo passo, ma il più necessario”. “Chiediamo a tutti i cittadini, giovani e meno giovani, di votare e impegnarsi” in vista del voto. Il documento conclude: “Il voto non è solo un diritto e un dovere, ma un’opportunità per plasmare concretamente la costruzione europea”.

martedì 14 maggio 2019

Zanotelli: tante minacce e nessuna soluzione

dalla pagina https://ilmanifesto.it/zanotelli-tante-minacce-e-nessuna-soluzione/

Il costo della vita. Sgombero all'alba senza preavviso e senza offrire alternative. Sulla linea della Lega, i comuni cacciano i rom perché lascino l’Italia. C’è un livello di razzismo che mi terrorizza



Padre Alex Zanotelli ieri era a Riace per la presentazione della fondazione «È stato il vento», che ha contribuito a far nascere, per supportare il modello di integrazione e accoglienza del sindaco Mimmo Lucano, un modello minacciato dai processi in corso e dalle politiche del governo. «Mimmo non può mettere piede nel suo comune, aveva chiesto un permesso di dieci ore per partecipare ma gli è stato negato. Lo incontreremo nel pomeriggio a Stigliano» ha spiegato Zanotelli che, intanto, continuava a tenersi informato su quanto sta accadendo a Giugliano, in provincia di Napoli, dove venerdì mattina sono stati allontanati circa 400 rom senza alcuna soluzione alternativa.
Chi sono i rom di Giugliano?
Sono circa 800, la metà bambini. Una parte era stata sistemata all’interno di una fossa, nel campo di via Madonna del Pantano, sgomberato venerdì. Gli altri erano distribuiti nella zona intorno, al livello della strada. Sono rifugiati politici, scappati dalla Bosnia durante la guerra in Jugoslavia. In molti casi gli uffici anagrafici con i loro documenti sono stati rasi al suolo dai combattimenti. Vivono a Giugliano da almeno 30 anni con bambini nati in Italia. Lo sgombero è avvenuto all’alba senza un corretto preavviso e senza alternative. Hanno subito settimane di minacce da parte del comune, si sono sentiti ripetere «vi portiamo via i figli» e persino che sarebbero stati cancellati dall’anagrafe perché irreperibili. Nessuna sostegno è stato previsto per i più fragili.
Nessuno cerca davvero una soluzione.
La loro storia è una tragica via crucis. Per anni sono vissuti nella zona Asi, da dove sono stati cacciati circa dieci anni fa per ordine della procura. Hanno migrato come bestie nelle campagne del giuglianese, nonostante il grande sforzo del Comitato campano con i rom per trovare loro un luogo dignitoso. Il comune di Giugliano li ha poi costretti a vivere nell’ex Resit, una discarica illegale (per la quale è stato condannato a 18 anni l’imprenditore Cipriano Chianese, ndr), facendoli respirare fumi tossici emanati dal terreno. Nel 2014 la Commissione per la tutela dei diritti umani del Senato andò a verificare lo stato del campo: «Sono molto al di sotto della soglia minima di dignità. Irresponsabile collocare un’area di sosta in un luogo pericoloso per la salute», scrissero. Infine il comune li ha ricollocati in via Madonna del Pantano. Nel 2018 Amnesty international definì il campo «un luogo inumano». Per arrivarci occorre scendere in una buca. Cinque i bagni chimici, altri servizi li hanno dovuti sistemare in alto, sulla strada, per evitare il lago che si forma dopo ogni pioggia.
Li hanno mandati via anche da lì. Il comune di Casapesenna ha scritto una nota (poi modificata) con cui allertava la popolazione del loro possibile arrivo e di stare attenti a chi si affitta casa.
L’amministrazione Pd di Giugliano avrebbe potuto usare 900mila euro dell'Ue per costruire un ecovillaggio ma ha cancellato il progetto su pressione dei cittadini, sobillati anche dall'estrema destra. Ha quindi offerto un contributo all'affitto ma i rom avrebbero dovuto prima esibire un contratto registrato, anticipando 3 mesi di caparra. In questo clima quale privato affitterebbe loro la casa? Adesso vagano nei dintorni in camper e auto, ma l’amministrazione minaccia di allontanarli ancora e nei comuni vicini sono già in allarme.
Il sindaco di Acerra ha sgomberato i rom dal suo territorio senza mediazioni affermando «sono sulla linea del governo».
L’unica strategia delle amministrazioni, seguendo la linea dettata dalla Lega, è cacciarli per costringerli ad andare via dall'Italia. Sono terrorizzato da questo livello di razzismo, i pogrom nazisti cominciarono proprio contro i rom e poi arrivarono tutti gli altri. Il ministro dell’Interno sta procedendo a diniegare diritti ad alcune categorie, quelle più deboli, come rom e migranti, additate all'opinione pubblica che si sente così in diritto di sfogare l’odio razzista. Ma in questo modo stiamo minando i diritti di tutti, anche i nostri.

giovedì 9 maggio 2019

Elezioni Europee: Messaggio del C. P. Diocesano


Consiglio Pastorale Diocesano


MESSAGGIO


A tutte le donne e a tutti gli uomini di buona volontà,

Il prossimo 26 maggio saremo chiamati a eleggere il nuovo Parlamento europeo. In numerosi Comuni della nostra diocesi ci saranno inoltre le elezioni del sindaco e del consiglio comunale. Noi membri del Consiglio pastorale della Diocesi di Vicenza, riuniti attorno al nostro Vescovo Beniamino, desideriamo condividere le speranze e le fatiche delle donne e degli uomini del nostro tempo, sentendoci pienamente partecipi di questa fase che coinvolge il nostro Paese e l’Europa. Anche per queste ragioni, come comunità cristiane ci impegniamo nella formazione di coscienze mature e responsabili.

PERCHE’ IMPEGNARSI A VOTARE

I tempi che viviamo presentano una complessità che può lasciarci disorientati, per la gravità delle sfide. Per questa ragione riconosciamo l’importanza di partecipare al voto e la necessità di riflettere e informarci sulle questioni in gioco.

Pur con i tanti limiti evidenti soprattutto negli ultimi anni, l’Europa unita rimane un
sogno politico al quale affidare le nostre migliori energie. Costituisce un progetto di
fraternità e solidarietà che ha garantito a gran parte del nostro Continente 70 anni di pace e sviluppo. Questo grande sogno si concretizza se le nostre comunità sanno essere testimoni di speranza. In tal senso è centrale il ruolo che svolgono le
amministrazioni comunali.

Per il credente essere un cittadino responsabile e impegnarsi in politica è “la più alta forma di carità” (Papa Paolo VI). Andare a votare pertanto rappresenta sempre una scelta primaria. Questa occasione lo è in modo particolare, per l’importanza del momento storico che l’Europa, il mondo e le nostre famiglie stanno vivendo.

LE PRIORITA’ DA PROMUOVERE

A nostro avviso, pur nel legittimo pluralismo di opzioni politiche, per ciascun credente, elettore o candidato rimangono decisive alcune priorità in base alle quali operare le proprie scelte. Segnaliamo in particolare la necessità di:
  • favorire la partecipazione e la ricerca del Bene comune, vincendo la crescente tentazione dell’individualismo e della chiusura nei propri interessi
  • privilegiare le risposte condivise a livello europeo rispetto alle posizioni dei singoli Stati
  • rinnovare la fiducia nel processo democratico
  • trovare soluzioni dignitose e condivise di fronte alla sfida epocale delle migrazioni, a partire dalle nostre comunità
  • sviluppare, a livello personale e comunitario, uno stile di vita che promuova una ecologia integrale e risponda così ai preoccupanti cambiamenti climatici e alle gravi diseguaglianze sociali, come indicato da Papa Francesco nella enciclica Laudato si
  • offrire reali possibilità di studio e lavoro e quindi di costruzione del proprio futuro alle giovani generazioni
  • mettere in campo concrete politiche a favore delle famiglie e della natalità
  • realizzare un’Europa capace di promuovere nel mondo una efficace politica di pace e di sviluppo dei popoli.

LO STILE DA ASSUMERE

Nei dibattiti e in particolare in queste settimane di campagna elettorale, come cristiani auspichiamo un confronto sobrio, non gridato, caratterizzato da parole non ostili, che meglio si adatta ad affrontare i problemi della Casa Comune a partire dai valori condivisi della fraternità e della solidarietà. Siamo, infatti, convinti che il contenuto e il metodo devono essere coerenti e che spesso il metodo è già contenuto. Confidiamo che possano essere vinte ansie e paure, pur comprensibili, di fronte alla gravità delle sfide. Rimane in noi una fondamentale fiducia nella dignità di ogni essere umano, nella corresponsabilità di ciascun cittadino, nei valori del Regno, nella forza della verità e della solidarietà.

Desideriamo infine esprimere a quanti hanno deciso di impegnarsi direttamente in
Europa o nelle amministrazioni locali la nostra stima e vicinanza per un servizio che, ne siamo consapevoli, è molto esigente.

L’Europa dipende dal nostro voto.



Consiglio Pastorale Diocesano


Vicenza, 6 maggio 2019

mercoledì 8 maggio 2019

Diritti per le persone, regole per le multinazionali

dalla pagina https://stop-ttip-italia.net/diritti-per-le-persone-regole-per-le-multinazionali/
Chiediamo con una petizione in tutta Europa e un nuovo Rapporto di denuncia che diritti, ambiente e democrazia valgano di più di interessi, penali e clausole-capestro imposti dalle grandi imprese

Diritti per le persone, regole per le multinazionali

Al presidente della Commissione europea, alla presidenza del Consiglio UE, ai rappresentanti dei Paesi membri e ai Membri del Parlamento europeo.
"Gli attuali accordi commerciali e per gli investimenti attribuiscono alle imprese multinazionali e alle corporations ampi diritti speciali e un sistema giudiziario parallelo per garantirli.
Chiediamo all'Unione europea e agli Stati membri di mettere fine a questi privilegicancellandoli dagli accordi commerciali e sugli investimenti che li prevedono, e di non concludere più nel futuro accordi simili.
Chiediamo inoltre all'Unione europea e agli Stati membri di sostenere l'approvazione di un trattato vincolante delle Nazioni Unite che renda le imprese multinazionali e le corporations responsabili per le eventuali violazioni dei diritti umani, e di mettere fine alla loro impunità.
L'Unione europea e i suoi Membri devono prevedere nelle proprie normative l'obbligo per multinazionali e corporations di rispettare i diritti umani e l'ambiente nel corso di tutte le loro attività nel mondo.
Le persone colpite da violazioni dei diritti umani compiute da multinazionali e corporations dalle devono poter avere giustizia".
firma alla pagina


martedì 7 maggio 2019

Immigrati irregolari presenti in Italia: ma quanti sono?

dalla pagina http://www.vita.it/it/article/2019/04/24/cosi-salvini-gioca-sporco-con-i-numeri/151368/

Così Salvini gioca (sporco) con i numeri

di Riccardo Bonacina - 24 aprile 2019

Il ministro dell'Interno che nei mesi scorsi aveva insistito sulla cifra (reale) di circa 500mila immigrati irregolari presenti sul nostro territorio, oggi, magicamente, parla di soli 90mila. Facciamo chiarezza

Al termine della riunione su sicurezza, terrorismo, estremismo islamico e immigrazione, che si è tenuta oggi al Viminale Salvini ha fornito altri dati relativi agli irregolari, spiegando che «il numero massimo stimabile» di migranti senza permesso presenti in Italia dal 2015 è di 90 mila persone e non di 500-600 mila come sostenuto finora. Dal 2015, ha spiegato, sono sbarcati 478 mila migranti: 268 mila hanno lasciato l'Italia e sono «presenze certificate in Paesi Ue» e altri 119 mila sono in accoglienza in Italia. Quelli di cui non c'è traccia sono 90 mila: «Un numero molto più basso rispetto a quanto qualcuno va narrando in questi giorni».
Dal M5S hanno subito sottolineato: "Sorprendono le parole del ministro dell’Interno sui 90mila irregolari in Italia, visto che fu proprio lui a scrivere nel contratto di governo il numero di 500mila irregolari. Che tra l’altro è il numero reale, confermato da molte organizzazioni. Non capiamo il senso di dover anche smentire ciò che è riportato nel contratto di governo, forse perché sui rimpatri ancora non è stato fatto nulla?». In effetti nel Contratto di Governo si parlava di una: “seria ed efficace politica dei rimpatri indifferibile e prioritaria per i circa 500 mila i migranti irregolari presenti sul nostro territorio in un tempo massimo complessivo di diciotto mesi” (sic).
Insomma, lo sappiamo, i numeri, nell’era del governo giallo verde si inchinano sempre più spesso alla propaganda come nei più classici dei regimi.
Così se nel febbraio 2018 Salvini per conquistare voti sosteneva che: “gli ultimi governi hanno portato 800 mila disperati in Italia illudendoli che avrebbero trovato un lavoro e una casa, che non hanno neanche milioni di italiani", oggi da ministro degli Interni in carica e sempre per portare a casa voti, dice che in effetti negli ultimi 5 anni sono sbarcati in 478mila, quasi la metà. E se in piena campagna elettorale per le politiche dello scorso anno rimproverava così il governatore lombardo Fontana che aveva parlato di 100mila irregolari da espellere: “Sono pochi. Ci sono mezzo milione di irregolari in Italia. Con le dovute maniere vanno allontanati tutti. Altrimenti si alimenta la confusione". Oggi il ministro dell’Interno parla di 90mila irregolari sul nostro territorio. Altro che confusione, qui siamo ai numeri in libertà.
Meglio affidarsi a persone serie, come Matteo Villa, ricercatore di un’istituzione seria come l’ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) che cerca di fare un po’ di chiarezza nei miasmi delle varie propagande.
Tra giugno 2018 e marzo 2019, nota Villa, circa 51.000 stranieri sono diventati nuovi irregolari in Italia. Di questi, circa 11.000 sono la conseguenza diretta del “decreto sicurezza” (oggi legge).

A fine 2017 si stimava che in Italia fossero presenti circa 530.000 irregolari. A maggio 2018, prima del governo Conte, eravamo saliti a circa 550.000. A fine marzo 2019, siamo arrivati ormai a poco meno di 600.000. Questa è la realtà che Salvini nasconde.



Il numero di stranieri irregolari in Italia è passato da 530.000 circa a fine 2017, a 590.000 oggi. Al ritmo attuale, a dicembre 2020 ci saranno 710.000 irregolari in Italia.



Anche perchè i rimpatri che il contratto di Goveno-barzelletta stimava di fare in 18 mesi per 500mila irregolari vanno avanti al ritmo di 500/600 al mese a fronte di 6000/7000 dinieghi al mese! E in oltre 10 mesi Salvini non è riuscito a firmare neppure un nuovo accordo con i Paesi d'origine dei migranti per i rimpatri.



Da dove esce allora questa cifra dei 90mila ostentata con soddisfazione da Salvini in Conferenza stampa? Il rapporto della Fondazione Ismu diretta da Gian Carlo Blangiardo, attuale presidente dell'Istat, nel 2015 stimava fossero 404 mila gli irregolari presenti in Italia poi lievitati ai 500 mila citati nel Contratto di Governo. L'ipotesi più attendibile è che Salvini si riferisca ad un altro dato dell'Ismu che dice che 90.000 è il massimo stimabile di immigrati irregolari di questi ultimi quattro anni e mezzo. Poi il Ministro dell'Interno ha fatto i suoi pasticci improvvisando addizioni e sottrazioni e non capendo la natura di quel dato, semplice semplice.




giovedì 2 maggio 2019

primolunedìdelmese: L'Europa che verrà...

primolunedìdelmese
Anno XXII - Incontro n. 167

6 Maggio 2019 - ore 20:30
presso Cooperativa Insieme, via Dalla Scola 253, Vicenza

L'Europa che verrà
tra dazi, trattati di libero scambio
e vie della seta

Ne parliamo con

Monica Di Sisto

Giornalista, vicepresidente di Fairwatch, osservatorio su commercio internazionale e clima; attivista della campagna Stop TTIP-CETA; docente del Master in Open Government e Comunicazione Istituzionale della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali "Guido Carli").

mercoledì 24 aprile 2019

Veglia di preghiera sul lavoro con il vescovo Beniamino

La Commissione diocesana di pastorale sociale - lavoro, giustizia e pace, cura del creato - propone anche quest’anno, in occasione del 1° maggio, un momento per riflettere insieme sul valore e significato del lavoro. L’appuntamento, al quale sarà presente il vescovo Beniamino, si volgerà:


Venerdì 3 maggio 2019 ore 20.30
presso l’Istituto San Gaetano 
via Mora 12, Vicenza


Veglia sul Lavoro
Cercare un nuovo inizio: Vangelo 5.0?

Il tema del Lavoro si connette inevitabilmente con il futuro. Un futuro pieno di incognite, di speranze e di giovani che interrogano il mondo degli adulti: si può sognare un domani mentre oggi si continua a distruggere la nostra casa comune, la terra? Lavorare per un mondo migliore, per un mondo per tutti, per un mondo sostenibile. Uno dei tanti messaggi che la manifestazione del 15 marzo scorso, una manifestazione globale e giovane, ha mandato al nostro mondo e a chi oggi ne tiene le redini. Una manifestazione che ha visto la partecipazione di tante persone, di tanti studenti anche qui a Vicenza. Ci lasceremo interrogare dalle domande dei nostri giovani, dall'Enciclica “Laudato Si' di Papa Francesco e dalla Parola di Dio per ascoltare, comprendere, discernere assieme al nostro Vescovo Beniamino, le strade da percorrere per costruire il nostro futuro. Per parlare di questo abbiamo scelto il CFP (Centro di Formazione Professionale) San Gaetano, luogo particolarmente significativo perché da sempre si prende cura della formazione alla vita e al lavoro delle nuove generazioni, grazie alle intuizioni di don Ottorino Zanon e la Pia Società San Gaetano. Un luogo ricco di significato per la nostra città.

La commissione diocesana  di pastorale sociale